Venaus, dall’assemblea dei movimenti proposte per l’autunno

Pubblicato: 18 luglio 2016 in Notizie e politica, Riflessioni, Senza categoria
Tag:, ,

Report della due giorni di assemblee svoltasi lo scorso weekend in Val di Susa

ass-768x432

Tante realtà di movimento e comitati territoriali si sono confrontate al presidio di Venaus sabato 16 e domenica 17 luglio, su appello del movimento No Tav. Si è ragionato assieme su prospettive comuni che sappiano mettere al centro la ripresa di una movimentazione sociale moltitudinaria in questo Paese, individuando il governo Renzi e il Partito Democratico come i principali responsabili politici dell’attacco ai diritti, al welfare, all’ambiente e alla democrazia. Da Venaus si può aprire un percorso che coniughi la forza conflittuale esistente in molti territori con una dimensione nazionale, ampia e maggioritaria, che sia in grado di sfidare e destituire dal basso Renzi e il PD il prossimo autunno. Per il fine settimana precedente al voto sul referendum costituzionale, si è messa in campo l’ipotesi di convocare una manifestazione nazionale che guardi e parli ad una composizione sociale estesa e che sappia anche agire momenti di conflitto. Si è profilata una disponibilità condivisa ad aprire, su questo tema, un percorso di avvicinamento che, sia a livello territoriale che nazionale, individui una serie di momenti di discussione e confronto, tra cui un appuntamento assembleare nazionale a Roma, da convocarsi l’ultimo weekend di Settembre. Pubblichiamo di seguito il report tratto da notav.info della due giorni di discussione svoltasi in Val di Susa. 

Una ricca due giorni di discussione si è appena conclusa in Val di Susa su appello del movimento No Tav.

Da qui siamo partiti, perché qui c’è una lotta in grado di indicare una via praticabile da tutti nelle reciproche differenze.
Tanti territori in lotta, comitati, collettivi studenteschi e sindacati si sono incontrati, convergendo sull’analisi di come il referendum costituzionale sia un’opportunità per far accrescere il dissenso contro il governo Renzi.
Dalla discussione è quindi emersa chiara la volontà di non rinchiudersi nella sterile difesa di una costituzione ormai svuotata di ogni suo significato sostanziale, ma nel provare a “generalizzare” un’ostilità contro Renzi e il Partito della nazione, con le sue politiche di austerità, i suoi corollari clientelari-mafiosi e la sua supinità ai diktat della troika.
In questo senso un’importanza centrale è stata data al processo di contrapposizione che dobbiamo riuscire a costruire nell’autunno, per renderlo maggioritario non solo nelle urne, ma soprattuto nel protagonismo sociale di chi è ricattato dalla crisi e vede nella possibilità di vittoria del NO un’occasione di presa di parola.
Pensiamo a chi lotta per la casa, in difesa dei territori e contro le grandi opere, per i diritti primari, per il diritto di movimento oltre i confini imposti dall’Europa e dentro gli stati nazione e chi lotta, semplicemente, per un presente ed un futuro migliori.
Crediamo di doverci innestare su questo bisogno di opposizione che sta emergendo in maniera sempre più chiara, anche se spesso lontana dai nostri linguaggi e dai nostri attuali percorsi di lotta.
Prima del momento referendario chiediamo a tutti e tutte, insomma, di costruire un NO sociale al governo, da declinare secondo le specificità dei propri territori e ambiti d’intervento. A partire dai nostri territori dobbiamo essere capaci a rilanciare le tante lotte, le riappropriazioni e sostenere il protagonismo giovanile e la rabbia delle periferie.
Il proposito è quello di raccogliere quanto costruito in una grande manifestazione nazionale a Roma, da convocarsi la settimana precedente al referendum e capace di puntare non tanto su una ricomposizione politica delle organizzazioni, ma piuttosto di mettere a disposizione i nostri percorsi ai moltissimi che, isolati e impauriti, rispondono col cinismo e con la delega alla miseria che ci viene imposta.
Manifestazione come momento dalle forme aperte ancora da decidere all’interno di una progettualità comune e che deve poter essere attraversato anche da chi non può o non vuole votare. Sarà altresì soltanto un passaggio in cui aprire degli spazi per poter dopo il referendum mandare a casa Renzi, costi quel che costi.
Un passaggio a cui non dobbiamo avvicinarci con preoccupazioni immotivate, ma che dev’essere sostanziato da un percorso reale nelle nostre città.
È necessario, pertanto, incontrarci a Roma nell’ultimo weekend di settembre presso l’Università La Sapienza, per verificare i processi che da qui metteremo in moto e organizzarci tutti insieme.
17 luglio, Venaus, Val Susa

http://www.globalproject.info/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...