NO TAV: ARRESTATI TRE ATTIVISTI. LIBER@ TUTT@

Pubblicato: 4 luglio 2016 in Notizie e politica, Senza categoria
Tag:, ,

TAVTre arresti nel fine settimane contro attivisti No Tav colpiti dall’ultima ondata repressiva, quella dei e delle 23 nel mirino della Procura con l’elmetto di Torino, tra cui giovani universitari e over 70. Nella serata di sabato Gian Luca, redattore di Radio Blackout e Infoaut e notav a cui ancora non erano stati notificati gli arresti domiciliari con restrizioni, è stato fermato a Genova mentre si recava a far visita ad un regista NoTav da molti anni conosciuto in valle per un lungo ed ancora in corso progetto di documentazione sul movimento NoTav. Gianluca ora è ai domiciliari ma ribadisce quanto già detto all’ultima fiaccolata pubblica di Bussoleno, ossia la volontù di non accettare le restrizioni sulla comunicazione imposte ed anzi continuerà a comunicare con compagni, amici, radio ed altri strumenti da sempre usati dal movimento. Sentiamo proprio Gianluca ai nostri microfoni. ASCOLTA O SCARICA

Ieri sera, invece,sono stati arrestati Giuliano e Luca, due NO TAV valsusini che nei giorni scorsi avevano scelto di violare gli arresti domiciliari. Come da loro espresso nell’assemblea svolta proprio nella giornata di ieri in piazza ad Almese durante la festa NO TAV, si stavano preparando per partecipare alla biciclettata “dalle Alpi ai Pirenei” in partenza oggi da Venaus. Hanno scelto di disobbedire alle misure cautelari per poter continuare a partecipare alle iniziative del movimento. Giuliano è già in carcere, mentre Luca attende il processo per direttissima.
La stretta repressiva segue di poche ore l’uscita uscita del ministro DelRio sul Tav, un cambio di progetto definito dai media mainstream la versione low cost del Tav. Secondo i racconti dei giornali, il nuovo progetto costerà (altri) 1,7 miliardi rispetto ai 4,2 inizialmente stimati: quindi, 2miliardi e mezzo in meno. Oppure, come dicono i No Tav, sempre 1,7 miliardi di troppo, i soldi necessari per bucare le montagne della Val di Susa, visto che il progetto di fare il Tav non viene di certo meno. Su questo sentiamo Nicoletta Dosio, Comitati popolari No Tav, pure lei colpita dall’ultima inchiesta dell’inossidabile pm torinese Rinaudo. ASCOLTA O SCARICA

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...