‘“Scampato pericolo”. Ma l’Austria si tinge di nero’ di Luca Fiore

Pubblicato: 23 maggio 2016 in Notizie e politica, Riflessioni, Senza categoria
Tag:, , ,

Aggiornamento – Secondo i risultati ufficiali annunciati dal ministro dell’Interno austriaco Wolfgang Sobotka intorno alle 17 di oggi, il candidato indipendente di centrosinistra Alexander van der Bellen ha raccolto il 50,3% delle preferenze contro il 49,7% di Hofer, con uno scarto di 31.026 voti.
Il candidato dell’estrema destra Norbert Hofer ha ammesso la sconfitta con un messaggio postato su Facebook e rivolto ai suoi sostenitori. “Cari amici! Vi ringrazio per il vostro grande appoggio. Naturalmente oggi sono triste”, scrive il leader della Fpoe, sottolineando che avrebbe ricoperto volentieri l’incarico di presidente “per voi nel nostro meraviglioso Paese”. “Vi rimarrò fedele e darò il mio contributo per un futuro positivo dell’Austria. Non siate scoraggiati. L’impegno profuso per questa campagna elettorale non è perso ma rappresenta un investimento per il futuro. Il vostro Norbert Hofer” conclude il leader della formazione nazionalista e xenofoba.

*** *** ***

hofer-720x300

Ore 11.35 – Corsa al photofinish per le presidenziali in Austria. Chiunque sarà eletto al termine dello spoglio lo sarà grazie ad una manciata di voti, poche migliaia, forse poche centinaia. Lo scrutinio delle schede deposte ieri nelle urne dagli elettori austriaci ha infatti sancito un sostanziale testa a testa tra il candidato dell’estrema destra, Norbert Hofer, in leggero vantaggio, e il candidato dei Verdi, Alexander van der Bellen (51,9% contro 48,1%), ma lo spoglio dei voti per corrispondenza potrebbe modificare il risultato, fino a capovolgerlo. Il computo delle circa 880mila schede elettorali inviate per posta da altrettanti elettori, pari a ben il 14% del totale dei voti emessi, si concluderà entro le 17 di oggi, quando verrà proclamato con certezza il nome del vincitore.
Se anche dovesse alla fine prevalere il candidato indipendente van der Bellen, l’ondata di destra che ha travolto il sistema politico dell’Austria – travolgendo i partiti tradizionali, i socialdemocratici e i popolari, ridotti al lumicino in queste elezioni presidenziali – non può e non deve essere sottovalutata. Anche perché quel temporaneo 52% ottenuto dal nazionalista e xenofobo Hofer è frutto di una mobilitazione dell’elettorato austriaco: ieri alle urne si è recato il 72,4% degli aventi diritto, un dato nettamente superiore rispetto al primo turno del 24 aprile scorso. Allora il leader del movimento di estrema destra FPOE – Partito Austriaco della Libertà – fondato nel dopoguerra da dirigenti e funzionari del Terzo Reich e per anni guidato, più recentemente, dal neonazista Jorg Haider, era arrivato ampiamente in testa con il 35% dei voti davanti a van der Bellen (ex socialista, professore di economia e figlio di immigrati dell’Europa orientale) con il 21,3%. Tutti gli altri candidati, arrivati dietro con notevole distacco, hanno fatto fronte comune contro l’esponente di una destra estrema ma in doppiopetto che unisce liberismo e nazionalismo, euroscetticismo e discorsi nostalgici, additando i profughi come fonte di tutti i mali in un paese che nonostante tutto è stato tenuto relativamente al riparo, in quanto satellite della Germania, dall’austerity e dai tagli draconiani che hanno squassato i paesi dell’Unione Europea mediterranea.
A tirare la volata all’ondata dell’estrema destra è stata paradossalmente la politica allarmistica dei partiti di centrodestra e centrosinistra, che nel tentativo di stoppare l’ascesa del Partito della Libertà hanno iniziato a cavalcare la tigre della xenofobia, a lanciare continui allarmi su una presunta invasione dei suoi confini da parte di milioni di profughi che ha spaventato i normalmente tranquilli austriaci. Minacciando più volte la costruzione di una barriera al confine con l’Italia e militarizzando la frontiera – alla vigilia del ballottaggio altri 80 poliziotti sono stati dispiegati al Brennero – il governo di grande coalizione tra Spoe e Oevp ha adottato molti degli argomenti di Norbert Hofer, pensando così di disinnescare il pericolo di un boom elettorale della destra nazionalista e xenofoba. Ma è avvenuto esattamente il contrario: dando di fatto ragione a Hofer il sistema politico austriaco ha legittimato il candidato estremista come alternativa allo status quo anche in settori dell’elettorato relativamente ‘moderati’ ma preoccupati che i famosi profughi rappresentino un pericolo per il locale stile di vita e un welfare che resiste agli assalti che lo hanno dinamitato più a sud. Da tempo imprenditori e leader politici europeisti affermano che la spesa sociale nel paese, necessaria a sostenere lo stato sociale, è troppo alta ed insostenibile, accusando anche in questo caso immigrati e richiedenti asilo di mettere in discussione il benessere raggiunto nei decenni scorsi.
Fa strano che a ricordare che in Austria non è in atto alcuna invasione di migranti – nel 2015 ne sono transitati quasi un milione ma solo 90 mila hanno chiesto asilo – sia stato ieri il premier italiano. “Non è vero che c’è un’invasione” e “il Brennero è stato utilizzato in modo demagogico” ha detto Matteo Renzi nel corso di una intervista a Radio 105. “Gli immigrati arrivati in Italia sono meno di quelli dello scorso anno, il 21% in meno e nel 2015 erano già meno del 2014. Non è vero che c’è un’invasione, va gestita, bisogna bloccare il flusso di persone, creare le condizioni in Africa per rimettere le cose in ordine, ma quando media austriaci dicono: ‘Stanno invadendoci’ dicono una cosa non vera” ha spiegato il presidente del Consiglio.

L’Austria non è spaccata a metà solo dal punto di vista delle percentuali dei due candidati, ma anche dal punto di vista territoriale. Se Hofer ha stravinto nelle zone rurali del paese, l’ex leader degli ecologisti Van der Bellen si è imposto in 8 dei 9 capoluoghi regionali dell’Austria, e soprattutto a Vienna, dove ha superato il 60% dei consensi anche se il FPOE ha vinto in due grandi municipi della capitale.
La funzione del presidente della Repubblica, in Austria – dal 1945 appannaggio dei partiti socialdemocratico e popolare – è poco più che cerimoniale, ma una vittoria di Hofer potrebbe accreditare l’FPOE come partito di governo, influenzando anche l’elettorato tedesco all’interno del quale le spinte xenofobe e nazionaliste hanno portato nei sondaggi il partito di estrema destra AFD al 15% circa.

http://contropiano.org/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...