MUTUI: IL GOVERNO REGALA LE CASE ALLE BANCHE

Pubblicato: 2 marzo 2016 in Notizie e politica, Senza categoria
Tag:, ,

ipoteca-no RADIO ONDA D’URTO – E’ polemica sulla proposta del governo di riforma del Testo Unico Bancario. La modifica permetterebbe alle , in caso di mancato pagamento del mutuo, di requisire immediatamente la e metterla in vendita, senza passare dalla sentenza del giudice e dall’asta.
Una proposta, questa del governo, che ha aperto una feroce polemica politica, con il Movimento 5 Stelle e il Codacons schierati entrambi contro questa legge.
Il Codacons ha presentato un Esposto alla Procura della Repubblica di Roma contro il provvedimento al vaglio del Parlamento che, recependo una direttiva europea, consentirà alle banche di diventare proprietarie delle case acquistate tramite mutuo, nel caso in cui il cittadino non versi 7 rate, anche non consecutive, e di disporne la vendita senza più passare per la giustizia ordinaria e le aste pubbliche.
“Si tratta di un vero e proprio “esproprio di Stato” che assegna uno strapotere impensabile alle banche, annullando di fatto qualsiasi tutela per gli utenti in difficoltà – accusa il Codacons –, che aggiunge: “Lo squilibrio tra le parti è talmente evidente che la norma potrà essere fatta decadere, dal momento che pone gli istituti di credito in condizione di strapotere e non tutela adeguatamente gli utenti”
La riforma del Testo Unico Bancario fornisce l’ennesimo strumento agli istituti di credito per difendere i propri interessi e incrementare i propri profitti.
Nuovi meccanismi in mano alle banche sono infatti il “vitalizio ipotecario” e il “leasing immobiliare”.
Nel primo caso viene concesso un prestito fino al 20% del valore della casa, che sarà ovviamente soggetto ad interessi. Se il “prestito” non verrà “estinto” prima della morte del proprietario, il debito se lo accolleranno gli eredi, che se non lo estingueranno si vedranno privati della casa che sarà venduta dalla banca
Invece nel “leasing immobiliare” le case sono di proprietà di una banca o di un intermediario. Vi è poi un “utilizzatore” che paga in rate per potere divenire proprietario della casa, mentre si accollerà anche tutti i costi di manutenzione e sistemazione.
Abbiamo parlato di tutto questo con Rossella Marchini, collaboratrice di DinamoPress, che si è occupata del tema.
Ascolta l’intervista

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...