MIGRANTI: TRA IDOMENI E CALAIS, SULLE MACERIE DELL’UNIONE EUROPEA.

Pubblicato: 1 marzo 2016 in Notizie e politica, Senza categoria
Tag:, ,

Start of the expulsion of a part of the Jungle migrant camp in Calais
RADIO ONDA D’URTO – Da Idomeni (confine tra Grecia e Macedonia) a Calais (tra Francia e Inghilterra) continua la guerra contro i migranti dell’Unione Europea.
IDOMENI – Dopo lo sfondamento del confine di lunedì 29 febbraio, e i lacrimogeni sparati dalla polizia macedone, resta alta la tensione alla frontiera greco-macedone anche oggi, martedì 1 marzo. Al momento sono circa ottomila le persone bloccate, mentre la capacità di accoglienza del campo di transito in territorio greco non supera le 2500 persone.
Le autorità macedone continuano a tenere chiuso il valico, lasciando passare solo 80 persone ogni 24 ore, esclusivamente di nazionalità irachena e siriana. Il campo oramai è oltre ogni limite di sovraffollamento, e circa la metà della presenze è di minori, accompagnati e non, di fatto abbandonati a se stessi.
Da Idomeni la corrispondenza in inglese (tradotta in italiano) con un compagno greco di Aid Delivery Mission, una delle realtà antirazziste e solidali che si trova a Idomeni, al confine tra Grecia e Macedonia, occupandosi in particolare di distribuire ogni giorni settemila pasti ai migranti bloccati al confine, oltre che a organizzare momenti di animazione per i piccoli bloccati al confine con l’aiuto di volontari-clown.
Ascolta o scarica qui
CALAIS – Dopo un’altra notte di forte tensione, con alcuni scontri tra migranti e polizia, sono ricominciate stamattina, martedì 1 marzo, le operazioni di sgombero della parte sud della Giungla di Calais, nord della Francia. Durante la notte la polizia in tenuta antisomma ha sparato gas lacrimogeni contro i migranti che hanno provato, sassi alla mano, a bloccare ruspe e demolizioni. Le autorità francesi vogliono deportare i migranti in container di spedizione situati in un’altra zona della Giungla o nei centri sparsi nel resto della Francia, ma i migranti si rifiutano, temendo che in questo modo siano costretti a essere identificati definitivamente in Francia e a dover rinunciare a superare la Manica arrivando in Inghilterra.
Da Calais la corrispondenza con Danilo Ceccarelli, giornalista freelance.
Ascolta o scarica qui
MINORI – Da Calais a Idomeni si consuma una “palese violazione della Convenzione sui diritti dell’infanzia”: é la denuncia dell’Unicef Italia. “Ciò che sta accadendo è intollerabile – aggiunge in una nota il portavoce Andrea Iacomini -. Lo scenario cui stiamo assistendo ha le forme e le caratteristiche di qualcosa che l’Europa e il mondo ha già vissuto nella Seconda Guerra Mondiale, non possiamo accettarlo, non può accadere in Europa”. Le immagini riprese dai media mainstream “sono la rappresentazione finale di un fenomeno che ha le sue radici nella fuga da conflitti che la comunità internazionale non è
riuscita a risolvere, che sono cresciuti in intensità e violenza nel corso degli anni”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...