ROMA: VIOLENTO SGOMBERO DELL’OCCUPAZIONE ABITATIVA DI VIA OSTIENSE

Pubblicato: 4 febbraio 2016 in Notizie e politica, Senza categoria
Tag:, ,

roma-sgombero-via-ostiense RADIO ONDA D’URTO –  violento a questa mattina in via Ostiense 333.
Poche ore prima attivisti di e alcune decine di famiglie avevano occupato questa palazzina abbandonata da tempo e di proprietà dell’Eni.
Immediata la solita risposta a suon di celere delle istituzioni. Dopo alcune ore di pressione sugli occupanti per farli abbandonare lo stabile le forze dell’ordine sono intervenute caricando il presidio di occupanti e attivisti fuori il palazzo, non esitando ad usare anche un idrante per disperdere la manifestazione. Almeno una decina le persone che sono rimaste ferite da queste violente
Ad occupare lo stabile questa mattina anche 10 nuclei familiari sgomberati la scorsa settimana da Villa Lauricella; famiglie con anche anziani molto malati. Il collegamento con Fabrizio di Action. Ascolta o scarica 
Di  seguito il comunicato di Action. 
Nella capitale d’Italia commissariata dal governo Renzi, dove i diritti vengono spazzati via e i cittadini vivono il dramma abitativo nella più completa solitudine, Action Diritti rilancia e riprende l’azione.
In questi ultimi 13 anni, i movimenti di lotta per il diritto all’abitare, sono stati gli unici a costruire risposte e ad ottenere delibere prima e fondi per un piano concreto per il diritto all’Abitare poi. In un contesto di grave emergenza abitativa che tocca oltre 50.000 famiglie, grazie alla determinazione di centinaia di persone che si sono organizzate resistendo agli sfratti, occupando e manifestando, dopo anni di completa assenza della politica, la regione ha stanziato i primi 200 milioni di euro per l’attuazione di un piano per l’emergenza abitativa, soldi però fermi da oltre due anni. Due anni nei quali il Comune di Roma non ha fatto niente, disattendendo scientemente ogni utile azione per attuare il piano, che prevederebbe l’assegnazione di case alle famiglie in emergenza.
A questo quadro di inquietante attesa, si aggiunge anche l’incapacità dei nostri amministratori di erogare fondi stanziati dal governo per la morosità incolpevole e per il contributo all’affitto, per oltre 200 famiglie sotto sfratto, mentre si chiudono le uniche strutture dove dimorano oltre 1.500 famiglie in attesa di popolare.
ROMA CAPITALE DUNQUE? ASSENTE
Ma da questo torpore qualcuno si sveglia e decide che non c’è più tempo da perdere: non per attuare il piano e spendere i soldi stanziati per dare le case alla gente, ma per RI-COMINCIARE una stagione di sgomberi e ristabilire una miope legalità a favore dei poteri forti. Lo sgombero dei giorni scorsi, e quelli annunciati, dimostrano la volontà di Comune di Roma e Prefettura di fare carta straccia della delibera regionale e soprattutto che, nonostante tutto, l’unica soluzione per l’emergenza abitativa che affligge questa città continua ad essere l’occupazione di immobili vuoti. A questo punto parte la fase 3.0, si ri-prende a lottare ed a occupare, si ri-comincia a ri-organizzare la rabbia delle ingiustizie e la solidarietà del conflitto, affinché le leggi approvate e i soldi stanziati, trovino un percorso di concreta applicazione per dare le case, oggi sfitte e senza gente, alla gente che oggi si trova senza casa.
Per questo stamattina Action Diritti in Movimento ha occupato uno stabile vuoto, sito in via Ostiense 333.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...