MAKER FAIRE.. Cariche e idranti contro gli studenti (VIDEO)

Pubblicato: 16 ottobre 2015 in Notizie e politica
Tag:, , , ,

fonte: GLOBAL PROJECT – Cariche e idranti contro gli studenti che protestavano contro l’ingresso a pagamento alla Sapienza durante la fiera dell’innovazione Maker Faire.
L’università è stata di fatto privatizzata per i giorni della fiera: chiunque voglia entrare, persino gli studenti iscritti, devono pagare un biglietto d’ingresso. Una cosa inaccettabile in un’università pubblica e che, ovviamente, ha scatenato le proteste di docenti, studenti, dottorandi e tutti coloro che vivono l’università.
Maker Faire  è una manifestazione dove il mondo dell’artigianato digitale – i cosiddetti “maker” – si riunisce per esporre e condividere le proprie creazioni con gli altri. Un modo per far conoscere ai visitatori della fiera i propri lavoro, e per incontrarsi e scambiarsi idee sui propri progetti. Niente di strano, se non fosse che le varie multinazionali hanno iniziato a considerarlo un momento propizio per comprare a pochi soldi queste creazioni per poi rivenderle al miglior offerente. Lo testimonia il fatto che tra gli sponsor della manifestazione spiccano colossi comeIntel, Google, Microsoft, Eni e Bnl.
Al momento risultano almeno dieci studenti feriti e quattro in stato di fermo, che sono al momento trattenuti dentro l’università, mentre all’esterno è in corso un presidio sia per denunciare quanto successo questo pomeriggio, sia per chiedere con forza il rilascio degli studenti fermati.

Video tratto da DinamoPress

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...