STRAGE DI PIAZZA LOGGIA: 41 ANNI DOPO, IL PRIMO PEZZETTO DI VERITA’ GIUDIZIARIA.

Pubblicato: 23 luglio 2015 in Notizie e politica
Tag:, , ,

fonte: RADIO ONDA D’URTO

La seconda corte d’assise di appello di Milano, mercoledì 22 luglio 2015, ha comminato due ergastoli per la strage fascista, di Stato e della Nato di Piazza della Loggia a Brescia, il 28 maggio 1974. Condannati l’ex ispettore per il Triveneto del movimento stragista e fascista Ordine Nuovo, Carlo Maria Maggi, e il neofascista – e fonte dei servizi segreti, l’allora Sid, Maurizio Tramonte, alias “Fonte Tritone”.

Questo l’esito del dodicesimo processo per l’eccidio che causò otto morti (la nona vittima, Giacomo Corvini, morì nel 1976 a seguito dei danni riportati) e oltre cento feriti, alle 10.12 del 28 maggio 1974, durante una manifestazione antifascista indetto dall’allora Comitato Unitario Permanente Antifascista e dai sindacati confederali in risposta alle continue provocazioni, intimidazioni, pestaggi ed attentati di matrice fascista che nei mesi precedenti avevano colpito la città, violenze figlie della liaison tra neofascisti, industriali e pezzi delle “istituzioni”, diventate nel corso degli anni per la narrazione mainstream…”deviate”.

41 anni dopo la strage, la seconda corte d’assise d’appello di Milano mette quindi il primo, parziale, punto fermo giudiziario: quella strage fu di matrice neofascista (e ordinovista) e fu orchestrata da Carlo Maria Maggi, medico veneziano, allora ispettore di Ordine Nuovo per il Triveneto, condannato oggi all’ergastolo, così come il neofascista ed ex Fonte Tritone dei servizi segreti, Maurizio Tramonte.

In attesa delle motivazioni, e del probabile ricorso in Cassazione dei legali dei due condannati, i giudici milanesi paiono aver fatto proprie le dure critiche della Cassazione che, bocciando le precedenti assoluzioni disposte a Brescia, avevano descritto Tramonte come soggetto troppo “intraneo” alla destra eversiva per essere un semplice informatore, che peraltro “non raccontava ciò che sapeva o aveva fatto”. Maggi invece fu “propugnatore” della strage, come già confermato dal racconto di Carlo Digilio, l’armiere di Ordine Nuovo, poi deceduto.

Fascisti, industriali e servizi: lo stesso milieu in cui maturarono le numerose stragi, omicidi e violenze di quegli anni, prima tra tutte quella di piazza Fontana del 12 dicembre 1969 a Milano, per cui però gli imputati – gli ordinovisti, stavolta padovani, Franco Ventura e Franco Freda – sono andati assolti, nonostante le sentenze abbiano accertato in modo indiscutibile la responsabilità delle stesse cellule di Ordine Nuovo al centro del processo per Piazza della Loggia.

Anche a Brescia, mancano ancora all’appello della verità – giudiziaria, non certo di quella storica e delle migliaia di compagne e compagni che vissero sulla propria pelle quegli anni, e di tutte e tutti quelli che nei decenni successivi hanno portato avanti quella memoria nelle pratiche quotidiane di lotta – i nomi precisi dei mandanti politici e delle coperture istituzionali, nazionali (Carabinieri, come il generale Francesco Delfino, e servizi stessi) e internazionali (Gladio e Nato) per decenni a tutela della manovalanza fascista.

Clicca qui per scaricare il dossier in formato .pdf (12 pagine) realizzato dal csa Magazzino 47 nel quarantennale della strage, il 28 maggio 2014.

A questo link, invece, alcuni audio storici tratti dall’archivio di Radio Onda d’Urto sulla Strage con ricercatori/trici e compagne e compagni bresciani ma non solo: Valerio Marchi, Primo Moroni e molte/i altre/i ancora.

COMMENTI E ANALISI –

Il commento sulla sentenza dell’avvocato Federico Sinicato, legale di parte civile al processo.

Ascolta o scarica qui.

Il commento odierno di Saverio Ferrari, dell’Osservatorio democratico sulle nuove destre e autore, giovedì 23 luglio, di un articolo sulla sentenza apparso su “Il Manifesto”.

Ascolta o scarica qui.

TRE INCHIESTE, DODICI PROCESSI: CRONOLOGIA –

2 giugno 1979 – I giudici della Corte d’assise di Brescia condannano all’ergastolo Ermanno Buzzi e a dieci anni Angelino Papa mentre assolvono gran parte delle 16 persone incriminate dal pm Francesco Trovato e dal giudice istruttore Domenico Vinoo li condannano a pene inferiori per detenzione di esplosivi o per altri attentati.

18 aprile 1981 – Buzzi e’ strangolato dai ‘camerati’ Mario Tuti e Pierluigi Concutelli nel supercarcere di Novara, temendo che  fosse intenzionato a fare dichiarazioni nell’imminente processo d’appello.

2 marzo 1982 – I giudici della Corte d’assise d’appello di Brescia assolvono tutti gli imputati, compreso Angelino Papa; nelle motivazioni definiranno Buzzi ‘un cadavere da assolvere’.

30 novembre 1984 – La Cassazione annulla la sentenza di appello e dispone un nuovo processo per Nando Ferrari, Angelinoe Raffaele Papa e Marco De Amici.

23 marzo 1984 – Il pm Michele Besson e il giudice istruttore Gian Paolo Zorzi aprono la seconda inchiesta. Imputati i neofascisti Cesare Ferri, il fotomodello Alessandro Stepanoff e Sergio Latini.

20 aprile 1985 – La Corte d’assise d’appello di Venezia assolve tutti gli imputati del primo processo bresciano.

23 maggio 1987 – I giudici di Brescia assolvono per insufficienza di prove Ferri, Latini e Stepanoff. Ferri e Latini sono assolti anche dall’omicidio di Buzzi che, secondo i pentiti, avrebbero fatto uccidere perche non parlasse.

25 settembre 1987 – La Cassazione conferma la sentenza di assoluzione dei giudici della Corte d’appello di Venezia e pone fine alla prima inchiesta sulla strage.

10 marzo 1989 – La Corte d’assise d’appello di Brescia assolve con formula piena Ferri, Stepanoff e Latini.

13 novembre 1989 – La prima sezione della Corte di Cassazione, presieduta dal…famigerato Corrado Carnevale, conferma e rende definitive le assoluzioni di Ferri, Stepanoff e Latini.

23 maggio 1993 – Il giudice istruttore Gian Paolo Zorzi proscioglie gli ultimi imputati dell’inchiesta bis. Quello stesso anno comincia la terza inchiesta, quella “veneta”.

16 novembre 2010 – I giudici della Corte d’assise di Brescia assolvono tutti i cinque imputati (Delfo Zorzi, Carlo Maria Maggi, Maurizio Tramonte, Francesco Delfino e Pino Rauti) con la vecchia insufficienza di prove. Revocata la misura cautelare nei confronti dell’ex ordinovista Delfo Zorzi che vive in Giappone, protetto ancora oggi.

14 aprile 2012 – La Corte d’appello di Brescia conferma la sentenza di primo grado mandando assolti i quattro imputati, Zorzi, Maggi, Tramonte e Delfino, per i quali era stato proposto ricorso dalla procura.

21 febbraio 2014 – La Cassazione stabilisce che un nuovo processo dovra’ accertare le responsabilita’ di due degli imputati che nei processi di primo e secondo grado erano stati assolti: Maurizio Tramont e Carlo Maria Maggi. Assolto definitivamente Delfo Zorzi.

22 luglio 2015 – La Corte di assise di appello di Milano, nel processo-bis di secondo grado, condanna all’ergastolo Maggi e Tramonte.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...