Stop TTIP.. il Parlamento Ue rimanda il voto: una doppia vittoria

Pubblicato: 10 giugno 2015 in Notizie e politica
Tag:, ,

fonte: IL FATTO QUOTIDIANO

Oltre al danno, la beffa: la Commissaria al CommercioCecilia Malmstrom si burla del Parlamento Europeo. Si perché stamattina a Strasburgo si doveva votare la Risoluzione parlamentare sul Ttip. Non un atto vincolante, ma un modo per spiegare proprio alla Commissaria e al suo team che cosa il Parlamento pensi sia giusto negoziare e che cosa no con gli Usa nel tavolo del Trattato transatlantico su scambi e investimenti, meglio conosciuto come TTIP.

Ieri nel tardo pomeriggio, però, arriva la notizia bomba: il presidente del Parlamento, il socialdemocratico Martin Schulz, ha trovato un cavillo nel regolamento per rimandare il voto, e per rinviare il testo della Risoluzione alla Commissione Commercio Internazionale (INTA) per un supplemento d’esame. Troppi gli emendamenti, si legge nella motivazione della decisione presa senza passare dall’aula, ma con l’accordo dei capigruppo di maggioranza. In realtà le nostre fonti in Parlamento ci confermano da subito che il gruppo socialdemocratico è spaccato, l’europresidente teme i franchi tiratori, e ne sono spaventati anche i popolari e i liberal.

stop-ttip

Troppo forte il tam tam dell’opinione pubblica e pesano quantità e qualità di tweet, telefonate e email ricevute dai parlamentari da migliaia di cittadini di tutta Europa che chiedono loro di ripensare i pilastri del negoziato in corso: arbitrato privato per proteggere i diritti degli investitori, cooperazione regolatoria fuori controllo, nessuna tutela per etichettature e standard dei prodotti, sicurezza alimentare, indicazioni geografiche e servizi pubblici.

Temono che la Risoluzione attuale – in effetti una pacca sulla spalla alla Commissaria Maelstrom, accanita liberalizzatrice che vuole le mani più libere possibili da possibili paletti imposti dal Parlamento – possa essere bocciata o, orrore orrore, addirittura migliorata nell’interesse dei cittadini.

Quindi Schulz mette opposizione interna ed esterna davanti al fatto compiuto e stamattina alle 8, in un’aula tramortita e – si vocifera – con tanti, troppi, assenti illustri, il presidente dell’assemblea Antonio Tajani annuncia non soltanto che il volo sulla Risoluzione è rimandato, ma che pone in votazione, a voto palese, addirittura una mozione d’ordine di maggioranza per rinviare il dibattito. Di lì scoppia il putiferio. Gli interventi che si susseguono mostrano non soltanto lo scontento di sinistra, destra, verdi e anche di parte dei liberal e S&D dissidenti per lo spostamento del voto, ma lo sconcerto per la sottrazione del dibattito, che molti di loro volevano si trasformasse in un dibattito di merito sui problemi che il TTIP presenta dal punto di vista pratico e politico.

strasburgomep5Molti dei “dissidenti” indossano la maglietta Stop TTIP della Campagna italiana, che nelle ore precedenti li ha raggiunti via aereo come incoraggiamento delle associazioni nazionali a sostenere la posizione condivisa, ormai, da milioni di cittadini europei: la petizione popolare che chiede la sospensione delle trattative viaggia ormai, da molte ore ben speditamente oltre i 2 milioni di firme e la campagna è in azione coordinata da 28 Paesi dell’Ue. Altri chiedono la parola e sventolano cartelli. Si vota, la scelta di non discutere passa per soli due voti e la seduta viene sospesa in fretta e furia da Tajani mentre molti parlamentari, persino in centro, restano seduti ai banchi per un bel po’, in segno di dissenso. La Commissaria si gode lo spettacolo e su twitter dileggia con un emoticon sorridente il Parlamento, che decide di spostare la votazione e poi discute se discuterci su. Scatenando, come era ovvio, la reazione stizzita di movimenti dei consumatori, pacifisti, parlamentari stessi che ne sanzionano la leggerezza.

Per la Campagna Stop TTIP questa è una doppia vittoria: perché si è fermata una pessima relazione, e perché la mobilitazione intensa delle scorse settimane ha portato molti eurodeputati a pensarci su e a votare, alla fine, secondo coscienza e oltre le famiglie politiche. Il voto era palese, d’altronde, quindi sarà facile capire chi ha fatto la cosa giusta e chi no.

Fuori dal Parlamento europeo, a Strasburgo ma anche a Bruxelles, gli attivisti festeggiano la vittoria politica. La raccolta firme va avanti, come d’altronde tutte le attività di sensibilizzazione e informazione della Campagna in tutta Europa, tanto che per sostenerla si lanciano iniziative di crowdfunding, dibattiti, cene, feste estive e banchetti lungo tutta l’estate.

Occhi puntati a Bruxelles dove a luglio, dal prossimo 13 luglio, la Commissaria Maelstrom accoglierà i negoziatori Usa per il nuovo ciclo di negoziati TTIP, e i cittadini cercheranno di far pesare questa vittoria politica anche in quella riservata sede.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...