Caso Mastrogiovanni, via al Processo d’Appello: si aspetta Giustizia!!!

Pubblicato: 7 novembre 2014 in Franco Mastrogiovanni
Tag:, , ,

mastrogiovanni_1

Inizia questa mattina alla Corte d’Appello di Salerno, alle ore 9,30, inizia il processo d’appello (Presidente, Michelangelo Russo) per il caso Mastrogiovanni, morto nell’ospedale di Vallo della Lucania il 4 agosto 2009, dove – senza alcun motivo – era stato legato al letto di contenzione per 88 ore (il video è visibile in rete).

Al processo di primo grado nella sentenza del 30 ottobre 2012 il primario Michele Di Genio è condannato alla pena complessiva di 3 anni e 6 mesi di reclusione; Rocco Barone, che dispose senza annotarla in cartella la contenzione, a 4 anni, stessa pena a Raffaele Basso; 3 anni ad Amerigo Mazza e a Anna Angela Ruberto, di turno la notte del 3 agosto 2009 durante la quale il cuore di Mastrogiovanni cessò di battere e si accorse del decesso sei ore dopo. Michele Della Pepa è condannato a 2 anni, con sospensione della pena. Per tutti l’interdizione dai pubblici uffici per 5 anni. I dodici infermieri vengono invece assolti.

Postiamo qui il “Venti Righe” di Ernesto Scelza pubblicato su rednest.org:

Non solo Stefano Cucchi aspetta giustizia per aver trovato la morte violenta per mano di rappresentanti dello Stato che avrebbero dovuto garantirne custodia e cura. A fine luglio 2009 viene prelevato su una spiaggia e condotto nel reparto psichiatrico dell’Ospedale san Luca di Vallo della Lucania Franco Mastrogiovanni. Vi muore dopo 90 ore di pene, immobilizzato su un letto di contenzione, polsi e caviglie legati, imbottito di psicofarmaci e abbandonato da medici e infermieri.

Anarchico, maestro elementare, amato dai suoi alunni -“il maestro più alto del mondo” per la statura che ne faceva un ‘gigante buono’-, appassionato di libri. Coltivava l’ideale di una società antiautoritaria e giusta.

Franco era stato coinvolto nel ’72 in un evento tragico: uno scontro con un gruppo di attivisti missini che distrusse tre vite. Quella del giovane segretario del Fuan, Carlo Falvella, che vi trovò la morte. Quella di Giovanni Marini, che scontò una prigionia condita di violenze e minacce che non terminarono con la scarcerazione, ne condizionarono l’esistenza e ne causarono la morte. E la stessa vita di Franco ne fu segnata per sempre. Una vita che Franco amava e che ha cercato di condurre nel rispetto dei suoi ideali. Da oggi, a Salerno, si svolge il Processo d’Appello per la sua morte, dopo un primo grado che ha riconosciuto la responsabilità di alcuni medici, scagionandone altri e gli infermieri. Ma le telecamere di sorveglianza che mostrano l’agonia di Franco ci dicono di un sistema barbaro e inumano che condanna alla tortura chi gli viene consegnato. E Franco era stato sottoposto a Tso, il ‘Trattamento Sanitario Obbligatorio’, perché aveva infranto il codice della strada, e perché era anarchico. “Noto anarchico socialmente pericoloso e intollerante alla divisa”, così il provvedimento che giustifica il suo prelievo forzato e la segregazione in ospedale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...