firenze

Momenti di tensione questa mattina davanti alla prefettura in via Cavour a Firenze dove un gruppo di una cinquantina di persone, che vivevano nel capannone andato a fuoco a Sesto Fiorentino, insieme ad alcuni militanti del Movimento di lotta per la casa, hanno tentato di entrare nell’edificio e sono state respinte dalle forze dell’ordine in assetto antisommossa. Almeno una persona tra i manifestanti, secondo quanto appreso, sarebbe rimasta contusa. Questa mattina in prefettura è previsto un comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica per individuare una sistemazione per gli ex occupanti del capannone che al momento sono ospitati temporaneamente nel palazzetto dello sport di Sesto Fiorentino. I manifestanti chiedendo di poter partecipare in delegazione al comitato per l’ordine pubblico.

Fonte: Ansa

FIRENZE I VIDEO DELLA PROTESTA: CLICCA QUI

 

 

http://www.globalproject.info/

020832642-d1597bc3-c2aa-4533-a823-b1977edae98d.jpg

In Italia, ogniqualvolta accadono tragedie che riguardano le migrazioni e che hanno come vittime i migranti, ci troviamo di fronte al solito duplice schema di reazioni. Da un lato c’è chi, come il leader della Lega Nord Salvini, mette in moto lo sciacallaggio razzista inneggiando ad «espulsioni di massa». Un atteggiamento odioso di per sé, ma alimentato dalla lettura mainstream dei fatti di cronaca che, nel caso della morte di Sandrine Bakayoko e delle successive proteste dei migranti concentrati a Cona, ha immediatamente enfatizzato il dato della “rivolta”, dando risalto ad elementi di ordine pubblico e mettendo in secondo piano, o a volte sottacendo, la morte della ragazza ivoriana. Dall’altro lato c’è chi, soprattutto all’interno della cosiddetta “sinistra”, prosegue ad interpretare i fatti con il metro della pietascristiana, non lasciando spazio a tutte le contraddizioni che episodi come quello di Sandrine mettono in luce.
L’autopsia ha reso noto il fatto che Sandrine sia morta per una tromboembolia polmonare bilaterale fulminante, le cui cause sono ancora da accertare. Al di là dei risultati dell’inchiesta condotta dal procuratore aggiunto di Venezia Carlo Nordio, che a caldo ha soffiato sul fuoco dichiarando che «non si possono escludere infiltrazioni terroristiche a Cona», va messo in luce che la morte di Sandrine va contestualizzata rispetto alle condizioni di vita indegne che i migranti vivono a Cona ed in altri centri. È dunque l’ennesimo evento luttuoso legato ad una gestione dell’accoglienza da sempre imbrigliata nella dialettica tra business delle cooperative appaltatrici e logica politica emergenziale.
Che le condizioni del centro di Cona fossero da tempo oltre il limite della sopportazione umana lo denunciava già un report fatto da Melting Pot e LasciateCIEntrare lo scorso 10 giugno. Allora vivevano nei recinti in mezzo al nulla della campagna veneziana 620 persone; alla fine del 2016 i numeri sembravano più che raddoppiati, anche se non è facile fare delle stime certe. Questi dati la dicono lunga sulla vera matrice dell’episodio.
La morte di Sandrine avviene, inoltre, in un momento in cui il dibattito politico italiano sul tema migratorio si sta orientando verso posizioni più restrittive, soprattutto in seguito all’attentato di Berlino ed alla paventata “svolta di ferro” della Merkel.  Mentre continuano gli sbarchi – o meglio le operazioni di recupero in mare aperto – e le strutture di “prima accoglienza” sono al collasso, monta infatti la polemica attorno alla linea dura contro i migranti irregolari indicata dalla circolare diramata dal neo-ministro agli Interni Minniti congiuntamente al (vecchio) capo della Polizia, Franco Gabrielli. Oggetto della polemica non è la politica di accoglienza, attraverso la concessione dello status di rifugiato politico o di protezione umanitaria, né tantomeno le condizioni materiali in cui sono costrette a vivere per un tempo non quantificabile le migliaia di richiedenti asilo in attesa del verdetto delle Commissioni Territoriali di valutazione.
No, la scena politica è occupata dall’indicazione del Ministro degli Interni di ripristinare i CIE, Centri di Identificazione ed Espulsione, istituendone uno per Regione.
Il nuovo Governo deve segnare una discontinuità rispetto al precedente, tanto in politica interna quanto sul piano delle relazioni internazionali, ed il “giro di vite” sulle espulsioni dei migranti “irregolari” è la carta buona da giocare su entrambi i tavoli. Il ritrovato protagonismo del sistema di accoglienza e dei CIE nel discorso pubblico fa emergere anche altri due elementi: il ruolo delle amministrazioni comunali e la lotta per la successione di Renzi alla segreteria del PD.
Il fallimento dello schema di “accoglienza” implementato dal governo Renzi è palese, ciò che continua ad essere ignorato è la fallacia dell’ approccio emergenziale di fronte ad un fenomeno chiaramente strutturale. Il flusso migratorio che attraversa il Mediterraneo è iniziato nel 2011, i numeri dei migranti in partenza dall’altra sponda del mare sostanzialmente invariati da sei anni dovrebbero indurre a considerarlo ormai stabile e di conseguenza adottare misure pensate per mantenere efficacia a lungo termine.
Così non è, e sono i nomi stessi di programmi e strutture a tradire l’equivoco. Nei piani ministeriali esiste un programma di ricollocazione dei migranti richiedenti asilo su tutto il territorio nazionale. Nella realtà, l’ossatura è costituita dai CAS, Centri di Accoglienza Straordinaria, che sono divenuti in poco più di un anno la regola, la normalità. Così come si è fatta consuetudine la loro collocazione in strutture militari dismesse poste in aperta campagna, in un tessuto di paesini di poche migliaia di residenti. Luoghi dove stazionano migliaia di persone in violazione delle più elementari norme di igiene e forse sicurezza: tendopoli sature di letti a castello, dove il tempo trascorre tra escrementi ed avanzi di cibo avariato. Luoghi dove non si entra, ma da dove i migranti possono uscire e raccontare o diffondere agghiaccianti video come nel caso della struttura di Cona. Affidati in gestione a società cooperative solo nella ragione sociale e molto spesso dedite ad attività di altro tipo, nella realtà i CAS sono mere occasioni di speculazione finanziaria. Basti un accenno alle vicende di Mafia Capitale per chiudere ora questo argomento. Questi centri dovrebbero essere “temporanei”, ospitare i migranti nel tempo necessario affinché sia istruita la domanda di richiesta di asilo ed avvenga il colloquio con la commissione di valutazione. Questo tempo in media è di un anno, durante il quale dovrebbero essere proposti alle persone in attesa programmi di sostegno, affiancamento ed inclusione nel tessuto sociale. Ma va da sé, nessun gestore di strutture “temporanee” dedica risorse per programmi a medio termine: il vero modello realizzato è l’assistenzialismo puro, e fatto male.
Ciò che qui ci preme sottolineare è lo stretto legame tra il proliferare di queste strutture sovraffollate e l’arroccamento ideologico dei sindaci reazionari che si rifiutano di dare corpo al piano di ricollocazione dei migranti in tutta Italia. Un esempio per tutti: il Veneto a trazione leghista vede due comuni su tre rifiutarsi di aderire al piano ministeriale. Del resto, i costi del piano di ricollocazione ricadono sulle amministrazioni locali ed i sindaci che debbono obbedire al patto di stabilità hanno giuoco facile di fronte al Governo nel contrapporre gli interessi dei cittadini-elettori a quelli dei migranti da accogliere. Le Prefetture dunque restano col cerino in mano e la soluzione più immediata è il riutilizzo del patrimonio dismesso del demanio militare. Così lo stesso comune che ha rifiutato di accogliere una decina di migranti si ritrova mille e più persone con una decisione inappellabile calata dall’alto. La situazione insomma rischia di sfuggire di mano, a tutto vantaggio della speculazione politica delle organizzazioni della destra estrema, che cavalcano un desiderio securitario sempre più esplicito, alimentato dai timori di azioni terroristiche. Si apre un problema per un Governo che deve comunque parare i colpi di Salvini: togliergli il mantra delle “espulsioni dei clandestini” significa depotenziare una delle più potenti armi retoriche di cui è solito fare uso.
L’equivoco di fondo, dicevamo, sta nel ritenere un’anomalia lo sbarco di centinaia di migliaia di persone ogni anno sulle coste italiane, nel non capire come le spiagge italiane siano, viste dall’Africa, nulla più che l’approdo in un Continente dove le condizioni di vita sono migliori. Certo, la gestione dei migranti non deve essere affare esclusivo dello Stato di frontiera esterna dell’UE: ma qui scoperchiamo un altro vaso di Pandora, che va ben oltre l’inefficacia della strategia di Renzi, il quale buttava sul tavolo delle trattative economiche in sede UE la solitudine dell’Italia nel gestire “la crisi migratoria”. A mostrare la corda è l’intero progetto di unificazione politica continentale. Dal punto di vista delle politiche migratorie, sembra che la sola cosa che accomuna i 27 Stati UE sia l’avere una frontiera comune, un perimetro esterno, un modo per tenere lontani nuovi poveri da economie che arrancano. Non c’è, a Bruxelles, una vera politica comune rispetto alle migrazioni: gli accordi di Dublino sono inapplicati, la loro revisione è urgente, puntualmente in agenda ad ogni Consiglio Europeo ed altrettanto puntualmente rinviata. Quanto all’accordo di Schengen, si va di sospensiva in sospensiva per gli Stati del Nord Europa: insomma, stanno a poco a poco ritornando visibili le frontiere interne. Dal settembre 2015 il “corretto funzionamento” della libera circolazione dentro l’UE viene assoggettato alla «gestione efficace delle frontiere esterne».
Ogni Stato si muove sullo scenario geopolitico globale come attore singolo, solo la dichiarazione congiunta UE-Turchia del 18 marzo 2016 ha visto una sola voce levarsi dai Governi nell’attribuire alla Turchia il ruolo di gendarme esterno alle frontiere comunitarie. L’urgenza era dettata dalla necessità di bloccare la rotta balcanica. I rimpatri sono oggetto di accordi bilaterali tra Stati, e vale la pena di ricordare l’esperienza acquisita dal Gentiloni ministro degli Affari Esteri: pochi giorni prima di lasciare la Farnesina per Palazzo Chigi ha compiuto una visita in Niger, Mali e Senegal, allo scopo di «ridurre la pressione migratoria sul Mediterraneo Centrale». Dieci giorni prima a Roma incontrava il presidente del maggior partito di governo tunisino, al quale confermava «il determinato sostegno dell’Italia, sul piano bilaterale ed europeo».
Nella visione di Gentiloni Migration Compact e cooperazione internazionale sono indissolubili: ecco come l’impraticabilità di una “accoglienza europea” apre le porte ad un altro schema di relazioni internazionali, che mescolano migranti e commesse industriali realizzate da aziende controllate o partecipate dal Governo, basti come esempio un elettrodotto euro-mediterraneo dal Maghreb all’Italia che attraversa la Tunisia.
Insomma Gentiloni intende fare un uso politico della questione migratoria molto diverso da quanto fatto da Renzi: non più elemento di contrattazione tra Italia ed UE, ma pedina da muovere nello scacchiere euro-mediterraneo, dove l’Italia gioca la sua partita come player indipendente.
Rimettere in campo i CIE e le espulsioni dunque è funzionale all’ apertura di trattative bilaterali con gli Stati di provenienza dei migranti, con i quali sottoscrivere accordi di sviluppo industriale: «aiutiamoli a casa loro», e facendo pure buoni affari. In questo il governo guidato da Gentiloni potrebbe avere una caratura inaspettata, taciuta nella cronaca politica mainstream.
C’è un ultimo aspetto su cui non possiamo fare a meno di porre l’attenzione, sebbene non ci appassioni affatto. Sul terreno dell’accoglienza e delle politiche migratorie si sta iniziando la battaglia per la successione a Renzi alla guida del PD. Non ci soffermeremo sull’ipocrisia di funzionari di partito che forse nemmeno hanno mai visitato una struttura di “accoglienza” o assistito ad una operazione di salvataggio in mare, eppure esibiscono vergogna a comando o si vantano della millenaria tradizione di accoglienza degli Italiani. Le manovre, piccole e grandi, sono già iniziate, e la macchina micidiale dell’infotainmenttelevisivo inizia a proporre dibattiti dove improvvisamente l’ospite presentato come «candidato alla segreteria PD» sciorina soluzioni e prospettive immediatamente attuabili. Tutte basate, guarda caso, sulla separazione tra “rifugiati” e “clandestini”, tutte giocate sul filo delle definizioni formali. Nessuno che ponga come punto di partenza la materialità inoppugnabile: ci sono duecentomila esseri umani che etichettiamo come “migranti” o “profughi”; esistono ed interagiscono con i “residenti” nelle città, nei paesini di campagna. Ci sono centinaia di migliaia, forse un milione di persone sulla sponda africana del mediterraneo, disposte a rischiare la vita nella traversata verso l’Europa.
Sulla loro pelle continua inarrestabile un vergognoso teatro di dichiarazioni, proclami e ospitate in tv. Simmetricamente, nella pancia del Belpaese si sta sviluppando una reazione pericolosissima contro la loro stessa esistenza, montata a neve dalle bordate di pura retorica esibita in tv. Secondo Minniti, le migrazioni stanno innescando «un problema di ordine pubblico, che mette a prova la tenuta del tessuto democratico del Paese». Ebbene, è ora di prendere posizione ed affermare con forza che sono proprio dichiarazioni come queste a fomentare odio nella società e distrarre l’attenzione dall’analisi delle dinamiche globali di cui il flusso migratorio in Italia è solo una piccola parte.
La morte di Sandrine ci impone di dire la verità sui migranti e di agire di conseguenza: perché non ci siano mai più dispersi in mare, perché non ci siano mai più strutture d’emergenza degradate e avvilenti, perché l’accoglienza sia fatta nei territori mettendo in relazione i migranti con gli abitanti in quanto stessi cittadini di un territorio.

E’ STATO PUBBLICATO IL NUMERO DODICI ANNO DIECI DEL MENSILE

“BUCO 1996 – nei secoli a chi fedeli???”

Nel dodicesimo numero del decimo anno trovate:

–          Editoriale – Il Referendum premia chi ha perso facendolo restare al potere

–          L’Intervista – 30 ragioni per votare No

–         No Tav – Dosio: “La mia evasione continua”

–        Attualità – Semper Fidelis, quando il marcio sta nei carabinieri

–         Terrorismo – Mostri, lettera ai miei ex studenti…

cattura

Clicca qui per il numero dodici anno dieci di “Buco1996-nei secoli a chi fedeli???”

Clicca qui per leggere la prima parte dell’archivio con i numeri del mensile

Clicca qui per leggere la seconda parte dell’archivio con i numeri del mensile

http://contropiano.org/ – I fatti hanno la testa dura, recita un notissimo proverbio inglese. Alla fine anche Beppe Grillo ha scoperto che contro quel granito si stava sfracellando il pensiero fondamentale del “Movimento 5 Stelle”- onestà, trasparenza e legalità – con la verifica affidata alla magistratura.
raggi-kqmc-835x437ilsole24ore-web-720x300
Un pensierino astratto, ma molto utile sul piano della pura propaganda. Un pensierino senza pensiero che suona bene quando sei lontano da qualsiasi responsabilità amministrativa pubblica (che non coincide quasi per nulla, ormai, con le “poltrone del potere”), ma che ti fa inciampare ad ogni passo quando devi passare dalla propaganda – internettara o piazzaiola – e mettere le mani su nomine, delibere, atti pubblici regolati dal più gigantesco castello di norme incasinate che si sia mai visto nel mondo.
Un pensierino che ha mostrato tutta la sua ingenuità inconsistente non appena qualche amministrazione di rilievo è stata conquistata. La lista è nota: Parma, Quarto, Livorno, Roma sono solo i casi più strombazzati dai media di regime, che spingono dichiaratamente per l’agognato ritorno dei giovani/vecchi marpioni targati Pd o Forza Italia, ma anche quelli di Lega e fascisteria varia vanno bene lo stesso perchè appartengono a “chi si conosce”.
Avvisi di garanzia spediti e annullati, difformità di comportamento tra gli amministratori “colpiti”, arresti o dimissioni di collaboratori scelti a dispetto dell’elettorato e dello stesso movimento (il caso di Roma è un romanzo a sé, ormai), hanno imposto un’articolazione in chiave difensiva di quel pensierino così schematico da risultare irrealizzabile nella pratica effettiva.
Ora Grillo sta chiamando alla consultazione gli iscritti – o come li si vuole chiamare – su un nuovissimo “Codice di comportamento del MoVimento 5 Stelle in caso di coinvolgimento in vicende giudiziarie”, che rompe la semplicità astratta del primo comandamento: “dimissioni automatiche”. Lo fa alzando il livello dell’incompatibilità assoluta dall’”avviso di garanzia” alla “condanna di primo grado”.
Per tutte le ipotesi intermedie (gravità del reato contestato, gravità degli indizi riportati dalle carte, ecc) la decisione resta in mano al livello politico, concentrato però nelle mani del “garante”. Ossia lo stesso Grillo e la struttura della Casaleggio Associati (chiamando in causa anche il Collegio dei Probiviri e il Comitato d’appello).
La “presunzione di gravità” consente infatti al “garante” un potere discrezionale pressoché illimitato, esteso anche ai casi che normalmente non verrebbero presi in considerazione da nessun “comitato centrale” di partito, come la valutazione della gravità di fatti che configurano i c.d. reati d’opinione, ipotesi di reato concernenti l’espressione del proprio pensiero e delle proprie opinioni, ovvero di fatti commessi pubblicamente per motivi di particolare valore politico, morale o sociale.
Comunque la si rigiri, si tratta per un verso di una “stretta” sulla libertà d’azione degli eletti e di una ammissione dell’impossibilità – foss’anche del più onesto – di restare al riparo da un’incriminazione, sia pure temporanea.
La stretta ha una sua logica, in un movimento contrario al principio costituzionale della libertà dal vincolo di mandato per gli eletti. Un principio pensato in tempi di profonde convinzioni politiche e morali (un democristiano non passava facilmente con i comunisti o viceversa), ma sfruttato nel corso dei decenni per “cambi di casacca” motivati solo dall’ambizione o dalla voracità (Scilipoti, Razzi e Gennaro Migliore sono solo i più sbeffeggiati, tra le centinaia di parlamentari “fuori posto” rispetto al giorno del voto).
Ma è fin troppo chiaro che la questione di principio qui c’entra pochino, mentre molto più pressanti sono state le vicende parmensi e romane – pur molto diverse tra loro. Il nuovo “codice”, insomma, avrebbe impedito alla Raggi di nominare Raffaele Marra (e suo fratello!), fors’anche la Muraro e diversi altri. Comunque, problemi interni dei 5 Stelle…
A noi interessa molto di più la presa d’atto dell’impossibilità di misurare l’onestà politica e amministrativa col termometro della legalità formale, ossia le norme esistenti, per folli o discriminatorie che siano. Sappiamo infatti per certo che si può essere assolutamente liberi da ogni interesse personale in politica o nel sindacato e pagare la propria libertà d’azione con decine di denunce, condanne, anni di galera. Non solo per reati d’opinione, certo, ma anche per quelli. Il conflitto sociale, specie in questo paese, non si è del resto mai giocato in guanti bianchi…
I “5 Stelle”, a dispetto della loro dichiarata estraneità alla politica politicante, non sono però degli antagonisti al sistema dominante. Dalla loro letteratura, detto in estrema sintesi, emerge che il modo di produzione attuale – fondato sull’accumulazione capitalistica del profitto privato – sarebbe il migliore dei mondi possibile, se non ci fossero così tanti “ladri” nel sistema politico. Sappiamo bene che non la pensano tutti così, anche tra i parlamentari, ma Casaleggio e Grillo non ne hanno mai fatto mistero.
Il “nuovo codice” di comportamento rompe una diga, se non altro concettuale: ci sono “reati” di cui non si deve tener conto nel decidere se un amministratore locale o un parlamentare va tenuto al suo posto o no. Ma a quel punto anche per decidere se una persona è candidabile o meno. Non avrebbe infatti senso – anzi, sarebbe un insulto proprio ai “cittadini” – escludere dalle liste gente che si è guadagnata l’attenzione poco benevola della magistratura o della polizia solo per aver preteso il rispetto dei diritti sociali, ambientali, politici della popolazione.
Il Movimento 5 Stelle sta prendendo faticosamente atto che il mondo reale è un po’ più complesso degli slogan. Specie in una paese che ha almeno due caratteristiche letali. Un sistema di norme, come, detto, confuso e stratificato, tale che qualsiasi atto amministrativo può essere facilmente impugnato e segnalato all’autorità giudiziaria. E una magistratura reale – non certo quella prevista dalla tripartizione di Montesquieu – che è politicizzata quanto basta da rendere facilissimo trovare un pm prodigo in avvisi di garanzia mirati. Nell’area dei movimenti antagonisti se ne sa qualcosa, sulla propria pelle.
Sbagliare è facilissimo, essere presi di mira quasi una certezza.
La reazione affidata al “codice” è però decisamente monca. Sposta cioè la linea del Piave della legalità dalla totale “immacolatezza” alla condanna di primo grado; e affida il destino dei “portavoce” eletti nelle cariche pubbliche all’imperscrutabile valutazione del “garante” per tutta la fase tra l’apertura dell’indagine e la conclusione del processo. Con fondato sospetto che sarà il clamore mediatico e il calcolo politico dei danni a far pendere, nel processo interno, la bilancia verso l’”assoluzione” oppure verso la condanna.
Ma è inutile chiedere un sobbalzo di pensiero critico (e autocritico) a chi non vede altro che indistinti “cittadini” là dove si scontrano classi, figure, ceti e interessi sociali in conflitto tra loro.

cfb6cd3b-3e6b-4f12-a42b-a42944ecd4cf

http://www.meltingpot.org/
Cona, ex base militare a uso missilistico nel veneziano: un malore, i soccorsi arrivati in estremo ritardo, la morte della donna. Poi, la rivolta. La vittima, 25enne di origini ivoriane, era ospite del CPA in attesa di vedere evasa la sua richiesta di protezione.
Il riferito ritardo nei soccorsi ha innescato la miccia che ha fatto esplodere la protesta: appresa la notizia della morte di S., è scoppiata la rabbia dei migranti ospiti della struttura che attualmente contiene circa un migliaio di persone (a fronte dei 540 previsti).
Una nuova tragedia annunciata”- commenta Yasmine Accardo, Referente LasciateCIEntrare – “Lo scorso giugno la Campagna ha documentato le terribili condizioni in cui versava il centro e le condizioni di vita dei migranti, attraverso la visita di una delegazione LasciateCIEntrare e Melting Pot Europa. A seguito dell’ingresso, LasciateCIEntrare ha inoltrato le dovute segnalazioni agli organi competenti. L’ inchiesta ha avuto molta risonanza sulla stampa nazionale e locale, ma a seguito della segnalazione non sono stati presi i dovuti provvedimenti.”
Il CPA a giugno conteneva più di 620 persone, in una struttura visibilmente inadeguata all’accoglienza, lontana da servizi e spazi sociali: una tendopoli nel nulla. Una situazione inaccettabile, destinata ad esplodere con l’aumento degli ospiti. Vittime dell’inadeguatezza del sistema, i migranti e gli operatori su cui si è riversata la rabbia collettiva.
A seguito dei fatti delle ultime ore, torniamo a chiedere un intervento urgente, con la speranza che stavolta la richiesta non resti inascoltata.
Auspichiamo, inoltre, in un’approfondita indagine che faccia chiarezza sull’episodio, sulla causa della morte della ragazza, sul ruolo degli enti gestori nelle tragiche ore dell’allarme, sulla presenza di personale medico o infermieristico, sull’avanzamento della segnalazione alle autorità di primo intervento e gli eventuali ritardi dei soccorsi della giovane S.
Infine, chiediamo di chiarire perché la ragazza si trovasse ancora in tale centro di prima accoglienza dal momento del suo sbarco avvenuto in agosto, atteso che centri, come quello di Cona non dovrebbero ospitare soggetti vulnerabili come donne e bambini e vittima di tratta in quanto totalmente inadeguati.
Rinnoviamo, infine, un appello al Ministro Minniti: risponda efficacemente al fallimento dell’attuale sistema di accoglienza, rilanci sulla buona accoglienza: metta fine a queste vergognose e strazianti morti di stato.

2017

Un AUGURIO RESISTENTE DI BUON 2017..

Il nuovo anno deve essere di Lotta per riconquistare il futuro che pian piano ci hanno tolto.. Un pensiero e un augurio particolare ai Compagni chiusi nelle galere!!!

 

de-luca

Una risata vi seppellirà. E’ un motto dei Movimenti Sessantottini che prendiamo in prestito per commentare questa foto che da ieri sta facendo il giro dei social e dei media e che riguarda l’inaugurazione per la riapertura della Cilentana, snodo veicolare fondamentale per la zona a Sud di Salerno. Dovrebbe essere un momento di gioia, ma non lo può essere visto che per 4 anni tale importante snodo viario è restato chiuso.

Solo chi ha dovuto transitare per vie alternative, difficili da percorrere, in questi anni può spiegare cosa è significata questa chiusura che le istituzioni nazionali, regionali e provinciali ieri sono corse a inaugurare. Non ci interessa che siano di destra o di sinistra perché in questi 4 anni si sono succeduti tutti e due gli schieramenti e per riaprire un po’ di strada ne è passato di tempo. Tutto questo a discapito dei pendolari costretti a percorrere quel tratto per lavoro e dei turisti che hanno scelto altre mete rispetto al Cilento depauperando così un territorio già alla rovina.

Quelle risate di ieri fanno male e molto a chi crede in una possibile ripresa del Cilento e fanno male perché vogliono dire che gli interessi di chi comanda sono stati salvaguardati non certo quello di chi ha scelto un territorio depresso per viverci.

Un’inaugurazione che poteva/doveva essere evitata e che però ci ha fatto capire che proprio da quei sorrisi sarcastici dobbiamo ripartire con determinazione e voglia di lottare per far capire che il Cilento siamo noi e non certo chi ci governa per grazia ricevuta.

Csa Buco1996