aldrovandi

Un cospicuo risarcimento di 560mila euro è stato inflitto agli agenti della Polizia di Stato che uccisero il giovane Federico Aldrovandi. La sentenza è delle Corte dei Conti che ha stabilito che gli agenti condannati per la morte del giovane di Ferrara partecipino al risarcimento danni: “Enzo Pontani e Luca Pollastridevono versare ciascuno 224.512 euro, Paolo Forlani e Monica Segatto, 56.128 euro”. La Procura aveva invece chiesto 1,8 milioni.

La decisione è stata presa dalla sezione giurisdizionale della Corte dei Contiper l’Emilia Romagna composta dal presidente Luigi Di Murro, dal consigliereFrancesco Pagliara e dal consigliere relatore Massimo Chirieleison: gli stessi giudici hanno anche disposto che il sequestro conservativo, autorizzato dal presidente della sezione a suo tempo, si converta in pignoramento per le somme che Pontani, Pollastri, Forlani e Segatto dovranno risarcire. I quattro poliziotti nel giugno del 2012 furono condannati per eccesso colposo del giovane, allora diciottenne, che fu fermato a un normale controllo di polizia poi trasformatosi in tragedia.

Fonte: Newsly

Cattura

Una carica a freddo senza che c’era alcun motivo per farla partire: d’altronde dalle immagini che vi linkiamo si vede bene quello che sta succedendo. E’ accaduto lunedì pomeriggio a Brescia dove i migranti  con le associazioni di movimento locali si sono ripresi piazza Loggia per rilanciare la mobilitazione. Non appena riuniti in piazza Loggia, la polizia ha sequestrato il furgone e ha poi violentemente caricato i presenti con i cani sotto gli occhi del vice-sindaco PD Laura Castelletti. Ci sono stati almeno tre persone ferite tra cui una giovane compagna di quindici anni violentemente manganellata alla testa. Non contenta della performance attuata questo pomeriggio in piazza, la polizia ha anche arrestato quattro antirazzisti che sono ancora in stato di fermo.

La Brescia antirazzista non si fa intimidire ed è già pronta a tornare in piazza con la grande manifestazione prevista per il prossimo 28 marzo alle ore 15.00.

LA CARICA ORDINATA DA FARINACCI A BRESCIA

azarov-ucraina

È passato da poco un anno dalla rivolta di piazza che provocò la caduta del governo ucraino e la guerra civile che ha portato il mondo sull’orlo di un conflitto più esteso. Mykola Azarov, leader del Partito delle regioni, era il primo ministro che in quei giorni si trovò a gestire lo scontro tra filo russi e filo europei. Si dimise in febbraio, pochi giorni prima della caduta dell’intero governo e del presidente Yanukovich. Braccato dagli insorti, si salvò in modo rocambolesco e ora vive esule a Mosca.

Signor Azarov, il giudizio dell’opinione pubblica europea resta confuso e diviso. Fu rivoluzione di popolo o colpo di stato?

«Guardi, durante i miei tre anni di governo avevamo tenuto l’Ucraina su una linea di buon vicinato sia con la Russia che con l’Unione Europea. Questa equidistanza non era gradita agli Stati Uniti d’America che volevano si tornasse alla politica del precedente governo di dichiarata ostilità alla Russia. Questa irritazione, e le conseguenti pressioni, l’abbiamo percepita fin da quando siamo andati al governo».

Lei personalmente subì pressioni in tal senso?

«Quando noi ci rendemmo indisponibili a sottoscrivere così come ci erano stati presentati gli accordi con l’Unione Europea, accaddero due cose contemporaneamente».

Cioè?

«Da una parte incominciarono occupazioni di uffici pubblici da parte di manifestanti spuntati dal nulla, dall’altra una incredibile e arrogante ingerenza da parte degli Stati Uniti negli affari interni di uno Stato sovrano. Venne da me la consigliera diplomatica del presidente Obama, Victoria Nuland, a pormi una sorta di ultimatum: o accettavo di formare un nuovo governo di unità nazionale che accontentasse gli anti russi oppure l’America non sarebbe stata a guardare».

E lei cosa rispose?

«Che il mio governo era stato eletto democraticamente e che aveva superato ben due voti di fiducia. Le dissi chiaramente che la politica dell’Ucraina era nelle mani del popolo ucraino e che lei non doveva permettersi di usare quei toni con il suo legittimo rappresentante».

Eppure, stando alle immagini televisive rimbalzate in tutto il mondo, la protesta contro di voi stava montando.

«Quella di concentrare una massa di persone attorno al palazzo del potere o nella piazza simbolo di una capitale, è una tecnica collaudata delle cosiddette rivoluzioni arancioni. In quei giorni avevamo in mano sondaggi secondo i quali la maggioranza del popolo ucraino appoggiava convintamente la linea del governo. Del resto bastava spostarsi poche centinaia di metri dalla piazza occupata per verificare come a Kiev la vita procedesse in modo assolutamente normale e che altre manifestazioni, di segno opposto, avvenivano in modo spontaneo un po’ ovunque nel Paese».

Secondo voi, chi alimentava la pressione della piazza?

«In quei giorni noi avevamo il controllo completo di ciò che stava accadendo. I nostri servizi segreti avevano infiltrato uomini tra i manifestanti e avemmo le prove che la piazza prendeva ordini dagli americani, che il quartier generale della protesta era nell’ambasciata Usa a Kiev, la quale provvedeva anche a finanziare in modo importante la rivolta».

E non prendeste contromisure?

«Quando la protesta passò da pacifica a violenta, con uso massiccio di bombe molotov e anche armi da fuoco contro la nostra polizia, convocammo sia l’ambasciatore americano che gli ambasciatori europei per mostrare loro le prove in nostro possesso».

Con che esito?

«Fu sconcertante. L’unica cosa che ci dissero è che noi non potevamo reagire con la forza alla violenza crescente dei manifestanti. Ci stavano insomma legando le mani».

L’Europa quindi, mi sta dicendo, si girò dall’altra parte?

«Il ruolo della Comunità europea, in quei giorni drammatici e decisivi, fu volutamente marginale e quello dell’Italia pari a zero. Entrammo in possesso dell’intercettazione di una telefonata nella quale il primo ministro polacco diceva alla responsabile esteri della Commissione europea che, contrariamente alla versione spacciata per ufficiale, i cecchini che entrarono in azione in piazza non erano filo russi ma appartenenti alla fazione a noi avversa».

La risposta della ministra?

«Gelida, come dire: è una verità scomoda, lasciamo perdere. C’era la netta volontà di insabbiare la verità per non intralciare i piani americani».

Sta dicendo che fu organizzata una operazione di fuoco amico” per fare indignare l’opinione pubblica internazionale?

«Sto dicendo che servivano vittime da sacrificare per giustificare l’innalzamento del livello di violenza della piazza e l’assalto ai palazzi del potere. I nostri poliziotti morivano o rimanevano gravemente feriti ma il presidente Yanukovich non diede mai l’ordine di dotare i reparti speciali di armi offensive nella speranza di trovare una soluzione pacifica».

Così si arriva al 27 gennaio 2014, giorno delle sue dimissioni.

«Con grande senso di responsabilità comunicai al presidente che ero disposto a dimettermi per facilitare una soluzione della trattativa. Gli chiesi di barattare la mia testa con lo sgombero della piazza e il disarmo dei gruppi neonazisti e dei facinorosi, circa cinquemila persone, che prendevano ordini da stati esteri».

Avvenne?

«Le mie dimissioni sì. Per il resto non cambiò nulla. Anzi, la situazione peggiorava di giorno in giorno».

Ha continuato a vedere Yanukovich?

«Sì, in quelle ore ci sentivamo e vedevamo spesso».

Che cosa vi dicevate?

«Ho cercato di convincerlo che gli stavano facendo perdere tempo, che trattare con gli oppositori interni era inutile, in quanto marionette. Mi parlò di un accordo, peraltro poco onorevole, che stava raggiungendo con i ministri degli esteri di Polonia, Francia e Germania. Ma era evidente, e glielo dissi, che l’unica possibilità era quella di trattare direttamente con gli Stati Uniti, anche se loro, ovviamente, si guardavamo bene da fare aperture perché come obiettivo si erano dati solo il capovolgimento del governo».

Si arriva al 22 febbraio, giorno del colpo di stato, lei dove era?

«La sera prima avevo visto il presidente che mi aveva annunciato l’intenzione di aderire alla proposta di Polonia, Francia e Germania e che all’indomani, in cambio di grosse concessioni, la piazza si sarebbe ritirata come previsto dall’accordo. Così la mattina uscì di casa per raggiungere Yanukovich ma il capo della mia scorta mi fermò. Il palazzo presidenziale era stato preso dagli insorti, la moglie del presidente era scampata per un soffio a un attentato. Mi disse che il presidente stesso era in grave pericolo, che i ribelli avevano dato ordine di bloccare le frontiere a tutti i membri del governo. Yanukovich stava per fare la fine di Gheddafi».

In che senso?

«Gheddafi fu ucciso da bande locali ma i mandanti erano gli stati che avevano dato il via all’attacco alla Libia. Sono certo che senza la copertura politica e morale di Stati Uniti ed Europa nessuno in Ucraina avrebbe avuto la forza di uccidere fisicamente il presidente e noi membri del governo. Prendere atto di questa verità è stata la più grande disillusione della mia vita».

Il presidente Putin, nei giorni scorsi, ha rivendicato di aver salvato la vita a Yanukovich e a lei portandovi in salvo. Come è andata?

«Il presidente Putin ha voluto ribadire che in quelle ore ha compiuto una azione umanitaria nei confronti di persone amiche della Russia che non avevano fatto del male a nessuno. Osservo come le posizioni del governo della Russia siano cambiate nel tempo. All’inizio Putin ha dato la disponibilità a collaborare con il nuovo governo Ucraino ma poi sono accadute cose che hanno fatto cambiare parere. Come l’atteggiamento ostile e violento di Kiev nei confronti della Crimea e delle regioni orientali abitate da russi. Purtroppo l’Europa non conosce questi gravi fatti. Nessuno ha scritto degli assalti ai mezzi dei militari che presidiavano le regioni russe o dei massacri di civili disarmati che protestavano contro il nuovo regime. A Odessa sono state bruciate vive più di cento persone da parte dei nazionalisti ucraini. Nelle zone russofone, Kiev vuole governare col terrore».

Signor Azarov, guardiamo avanti. La tregua durerà?

«Quando noi sosteniamo che ci sono nazisti al potere a Kiev, l’Europa ci prende per bugiardi, ma è la pura verità. Come giudicate voi persone che danno ordine di bombardare interi quartieri con sistemi a lancio multiplo? A Charkiv decine di migliaia di civili sono morti, cinquemila edifici sono stati distrutti, così come gli acquedotti. La gente è al freddo in rifugi e cantine. Sono criminali, presto o tardi l’opinione pubblica internazionale verrà a conoscere questi fatti. Detto questo sono favorevole agli accordi di Minsk che hanno messo fine a questo eccidio. La Russia è pronta al compromesso, ma l’Ucraina è anche dei russi. Dire: l’Ucraina solo agli ucraini è uno slogan nazista. Gli Stati Uniti e l’Europa devono saperlo e agire di conseguenza».

Tornerà in Ucraina?

«Mi hanno inserito in una lista nera in modo del tutto arbitrario. A distanza di un anno non hanno ancora trovato un solo fatto che mi possa compromettere. Non sono però ottimista. Oggi non c’è in Ucraina un solo giudice che abbia la forza di andare contro la volontà del governo. Spero un giorno di tornare. Questa situazione non può durare a lungo. I soldi del fondo monetario purtroppo non finiranno al popolo, la crisi economica è già devastante ma farò di tutto perché il mio paese non diventi una nuova Somalia europea».

Fonte: Il Giornale

corteo-due

Reparti della celere hanno sgomberato ieri mattina, 22 marzo 2015, il presidio permanente in Piazza Vittoria che si era formato sabato dopo la manifestazione per i diritti e i permessi di soggiorno negati dalla sanatoria truffa del 2012.

18 le persone fermate e portate in Questura, tra i quali 10 immigrati. Dopo l’identificazione, durata circa un paio di ore, sono stati rilasciati gli italiani fermati con una denuncia per manifestazione non autorizzata e i migranti con permesso.

Quattro migranti sono invece ancora in Questura, per loro (tre) si profila il lager di Stato, il Cie, per il quarto la deportazione forzata fuori dall’Italia. Novità sulla loro condizione, attraverso gli avvocati di movimento, lunedì mattina.

Come prima risposta, un migliaio di persone domenica pomeriggio si è prima ripresa piazza Loggia, blindata da sabato pomeriggio, per poi sfilare in corteo lungo tutto il centro storico cittadino.

Prossimo appuntamento di lotta: lunedì pomeriggio, dalle 17,30, presidio in piazza Loggia, un appuntamento già lanciato nei giorni scorso da No Tav, ambientalisti, movimenti per la casa, student* e precari contro Tav e piano casa e che ora rientrerà all’interno delle lotte per #permessosubito e #bastaprecarietà.

Sabato 28 marzo, invece, un nuovo grande corteo migrante, antirazzista e precario attraverserà la città di Brescia.

Fonte: Radio Onda d’Urto

19710_1614708345430021_681440765113193305_n

Nel promuovere il presente appello in maniera unitaria, invitiamo tutte le realtà politiche, sociali, sindacali e intellettuali a prendere pubblicamente posizione e condannare il pesante clima di intimidazione e delegittimazione che è stato costruito attorno ai collettivi universitari autorganizzati a seguito della contestazione all’ex magistrato Gian Carlo Caselli al Polo delle Scienze Sociali di Novoli.

Ad una legittima critica politica si è risposto non nel merito ma con un’ondata di accuse deliranti; un attacco politico-mediatico di enormi proporzioni, condotto dalla stampa locale e nazionale attraverso l’utilizzo sistematico della menzogna e dell’insulto, finalizzato a creare il terreno favorevole alla repressione dell’attività politica dei collettivi ed alla chiusura degli spazi di libera espressione del dissenso nelle aule universitarie di Firenze.

Prima di tutto quindi, sentiamo la necessità di fare chiarezza sui fatti: la contestazione promossa dal Collettivo Politico di Scienze Politiche, a cui hanno aderito numerose persone tra singoli individui, collettivi studenteschi e realtà politiche cittadine, si è svolta esponendo uno striscione e una bandiera NO TAV mentre un volantino e un intervento al megafono spiegavano agli studenti presenti le ragioni della protesta.

I collettivi protagonisti di questi fatti sono stati immediatamente accusati di intolleranza e di voler soffocare con metodi violenti e “squadristi” il confronto democratico, la libertà di espressione ed il libero scambio di opinioni all’interno delle aule universitarie.

Nonostante i locali del polo di Novoli fossero stati preventivamente militarizzati con un ingente schieramento di polizia e Digos, Caselli non si è presentato all’incontro, adducendo presunte motivazioni di ordine pubblico. Di fatto si è sottratto di sua spontanea volontà al confronto con le ragioni dei manifestanti, preferendo piuttosto insultarli dalle pagine dei quotidiani con la complicità di pessimi giornalisti. Abbiamo assistito ad un penoso tentativo di presentarsi come la vittima di una presunta violenza, col solo scopo di delegittimare l’avversario politico.

Non solo una pessima prova di stile dunque, ma una precisa volontà di zittire una voce scomoda che ha osato parlare contro il pensiero unico dominante. Una voce minoritaria, forse, ma che non teme di schierarsi chiaramente e di esprimersi attraverso le pratiche legittime della contestazione e del boicottaggio.

Invece di rispondere nel merito delle accuse contestategli, l’ex magistrato si è limitato a definire gli studenti in un crescendo di insulti: «bulli, ignoranti, arrabbiati, violenti, terroristi, canaglie e teppaglia», attaccando persino le autorità accademiche incapaci di garantire il libero svolgimento di un dibattito democratico e colpevoli, a suo dire, di aver tollerato l’attività politica dei collettivi studenteschi.

Tale reazione livida e scomposta non ci stupisce affatto: è forse un caso che Caselli trovi sempre qualcuno a contestarlo ovunque vada e di qualunque tema sia chiamato a parlare? Noi non riconosciamo il reato di lesa maestà! Nessuno ha impedito a Caselli di venire, e nessuno l’ha cacciato dall’Università, dato che, volontariamente, non si è presentato. La responsabilità del mancato incontro è esclusivamente sua. Ci risulta difficile credere che l’iniziativa di qualche decina di studenti possa aver “intimidito” a tal punto un ex procuratore del suo “calibro”. Tanto più che nessuno si è preso la briga di illustrarci esattamente di quale intollerabile violenza Caselli sia stato vittima, pronti invece a criminalizzare persone per fatti non accaduti.

Riteniamo inaccettabili le minacce e le intimidazioni di chi – strumentalizzando la vicenda della contestazione a Caselli – vorrebbe chiudere gli spazi di agibilità politica e di libera espressione del dissenso all’interno dell’università attaccando, delegittimando e criminalizzando il lavoro dei collettivi studenteschi. Alle minacce e agli insulti da parte di Caselli si è aggiunta anche una mozione del Senato Accademico in solidarietà al magistrato a cui sarebbe stato impedito di parlare.

Non si può dire che il clima repressivo a Firenze sia leggero: nel giro di pochi giorni abbiamo assistito alle minacce di sgombero dello spazio sociale “La Polveriera”, allo sgombero di due occupazioni abitative, alle manganellate in piazza sui militanti del Movimento di Lotta per la Casa, alle denunce indirizzate ai militanti del comitato di quartiere “Coverciano Antifascista” e all’irruzione della polizia nel centro sociale “La Riottosa”. Tanto più gravi ci appaiono questi fatti se rapportati alla vastità dell’attacco repressivo contro ogni forma di organizzazione del dissenso dal basso su tutto il territorio nazionale.

Citiamo in proposito solo alcuni dei fatti avvenuti negli ultimi mesi: lo sgombero alla Sapienza in occasione dell’iniziativa NO EXPO, la chiusura preventiva della Statale di Milano per ragioni simili, l’inchiesta giudiziaria (con imputazioni addirittura di terrorismo, poi decadute in appello) contro alcuni attivisti NO TAV ed infine la recente inchiesta palermitana che vede coinvolti Ex-Karcere e Anomalia con l’accusa infamante di associazione a delinquere.

A queste compagne e a questi compagni va tutta la nostra solidarietà, come a tutte le altre vittime della repressione che non abbiamo potuto menzionare in questo testo (la lista sarebbe molto lunga!).

Ora, un gruppo di docenti del nostro Ateneo – gli stessi che invocano la libertà di espressione e dipingono l’università come il “tempio della cultura critica e della libera circolazione delle idee” – pretende che i collettivi protagonisti della contestazione siano «espulsi dall’università», sgomberando le loro aule e negando loro la legittimità di esprimersi.

Alla faccia del “confronto democratico”: ipocriti! La responsabilità di queste affermazioni è oggettivamente gravissima; e risulta ancora più preoccupante alla luce degli autorevoli ruoli istituzionali ricoperti dagli estensori di tali minacce.

L’ondata di repressione e criminalizzazione non riuscirà a zittire la nostra voce contro il pensiero dominante perché noi continueremo a lottare dentro e fuori le aule universitarie come sempre abbiamo fatto.

Per queste ragioni invitiamo tutte le realtà politiche, sociali, sindacali e intellettuali, nonché tutte le forze che si sentono democratiche e progressiste a sottoscrivere e diffondere questo appello, prendendo posizione e condannando il grave attacco che ci viene mosso.

Contro ogni forma di repressione e criminalizzazione del dissenso!

Sia chiaro che se toccano uno toccano tutti!

LA SOLIDARIETÀ È UN’ARMA,

SOTTOSCRIVI E DIFFONDI QUESTO APPELLO!

Email per sottoscrizioni: chizittiscechi@autistici.org

Promotori:

Collettivo Politico di Scienze Politiche, Studenti di Sinistra, Spazio Comune La Polveriera, Collettivo d’Agraria, Collettivo Scientifico Autorganizzato, Collettivo di Lettere e Filosofia, Collettivo RossoMalPolo, Collettivo di Scienze, Collettivo di Medicina-Codice Rosso

Una giornata di mobilitazione in occasione dell’inaugurazione della nuova sede della BCE e contro le politiche di austerità e di governo della crisi della Troika. E’ quella che si è svolta oggi a Francoforte, ma che sta continuando anche in queste ore visto che un corteo è partito verso la sede della Bce poco dopo le 18 (clicca qui per guardare la diretta da Francoforte).

Ma da stamattina tante sono state le azioni di disturbo e che hanno portato a diversi scontri con le forze dell’ordine e a numerosi fermi: tra cui diversi italiani, delegazione di 600 persone, che però pian piano vengono rilasciati. Qui vi proponiamo il racconto della giornata attraverso foto e video.

Germany Protests ECB

Francoforte si sveglia nella guerriglia. Auto della polizia in fiamme. Assaltati tram, benzinai e negozi. E’ la protesta di ‘Blockupy’ contro l’austherity del governo e la Bce. Sette auto della polizia date alle fiamme, otto ufficiali feriti e circa 350 persone arrestate: è il bilancio, provvisorio, degli scontri per l’inaugurazione della nuova sede della Bce a Francoforte, blindata da barricate e filo spinato. I dimostranti, scrive la Bloomberg, sarebbero circa 10mila.

Draghi, ingiusto incolpare Bce ma ascoltiamo cittadini – Le accuse alla Bce potrebbero essere “ingiuste” visto che sta cercando “esattamente di assorbire gli shock sofferti dall’economia”, ma “come banca centrale dell’intera Eurozona, dobbiamo ascoltare molto attentamente ciò che tutti i cittadini ci dicono”. Lo dice il presidente della Bce Mario Draghi citando le proteste a Francoforte. “Capisco cosa motiva queste opinioni, perché la gente chiede un cambiamento”, dice riferendosi alle proteste di chi chiede più Europa e quelle dei “partiti populisti” che ne vogliono meno e rivendicano sovranità nazionale. La risposta alle difficoltà europee – evidenzia – non è disfare l’integrazione, ma al contrario “fare progressi nelle aree incomplete, vale a dire nella convergenza economica e istituzionale”. E rivolgendosi alle proteste anti-Bce in atto aggiunge: “non c’è Paese al mondo che riesca a prosperare isolato dalla globalizzazione”. La ricerca dell’efficienza economica – dice ancora – va accompagnata con “politiche d’integrazione, equità” aggiungendo che “la soluzione può riassumersi in una parola: competenze”, attraverso uno stimolo della formazione.

Ri-nazionalizzare non è soluzione – “Ri-nazionalizzare le nostre economie non è la risposta”. dice il presidente della Bce, ricordando che negli attuali assetti europei “ognuno è responsabile per le proprie politiche”: il “difficile periodo di correzione” per alcuni Paesi “non è una scelta imposta ma una conseguenza di decisioni passate”.

Fonte: Ansa

QUI PUOI SEGUIRE LA DIRETTA VIDEO DA FRANCOFORTE